Biografia

L'atelier ad Alba, in provincia di cuneo, piemonte del piemontese artista figurativo Matteo Fieno
L'atelier ad Alba, in provincia di cuneo, piemonte del piemontese artista figurativo Matteo Fieno
Biografia di Matteo Fieno artista figurativo contemporaneo con Vittorio Sgarbi
L'atelier ad Alba, in provincia di cuneo, piemonte del piemontese artista figurativo Matteo Fieno
L'atelier ad Alba, in provincia di cuneo, piemonte del piemontese artista figurativo Matteo Fieno

Nato e cresciuto nelle Langhe, Matteo Fieno, conosciuto come “l’artista delle donne”, continua a mantenere qui le sue radici. Nonostante la sua crescita artistica lo stia portando con i suoi quadri in giro per l’Italia e l’Europa, è nella terra che gli ha dato i natali, il luogo eletto per vivere e produrre la sua arte. 


Dal 2019 Fieno sta scandagliando il mondo femminile, trasferendo su tela e su carta la sua impressione artistica sulla complessità delle donne. Pittore sempre più apprezzato da critica e appassionati di arte, Fieno dà voce a una visione del reale in cui la donna è assoluta protagonista. Custode di bellezza, incarnazione di profondità interiori da cogliere e di cui stupirsi, la donna incontra nelle opere di Fieno quell’immedesimazione che è uno dei tratti più originali dell’ispirazione artistica dell’artista albese. Una capacità interpretativa che si nutre di un notevole apparato immaginifico e che, allo stesso tempo, affonda i tratti distintivi del suo linguaggio artistico nella realtà.


Attraverso le sue opere, Fieno vuole suscitare l’ “impressione” di aver già vissuto, pianto, riso, di essere caduti e poi di essersi rialzati, di aver raccolto i frutti del duro lavoro… insomma, aver già vissuto una situazione simile a quella dei personaggi femminili dipinti nei suoi quadri, con il fine di liberare il desiderio represso di un ritorno al passato, o addirittura alle origini, da parte di un individuo disilluso dalla società dei consumi e in balia dei continui cambiamenti tecnologici.


Il modo in cui Fieno affronta il tema della donna è stato recentemente analizzato tramite dichiarazione critica da Vittorio Sgarbi che lo ha paragonato ai grandi artisti del passato: “ Poco c’è da vedere nelle sue opere più emblematiche: un colore uniforme nel fondo che, malgrado l’apparente piattezza, fa da spazio fisico non meno che mentale, un pò come in certo Katz (Alex) prima maniera, a un corpo nudo di donna che con esso interagisce. Il segno è netto, a circoscrivere i corpi suadenti come isole nel mare, assorbendo in un certo qual senso tutte le varianti espressive del Post-Impressionismo succedutesi fra Gauguin, Lautrec, Cézanne, Matisse fino, potremmo dire, a Marlene Dumas.


Tra le mostre più importanti “Animus et Anima” presso il Complesso di San Severo al Pendino di Napoli, “Non Sogni” a cura di Anna Soricaro e patrocinata dalla Fondazione De Nittis di Barletta, a febbraio 2019 ha partecipato ad ARTE Genova nella sezione Contemporary Art Talent Show mentre a maggio 2019 è stato selezionato dal comitato scientifico per la mostra “Pro Biennale” presentata dal Prof. Vittorio Sgarbi, a giugno 2019 ha presentato le sue opere a Parigi presso l’esclusiva Galleria Thuillier, sita a pochi metri dal Museo Picasso e a Barcellona presso la “BCM Art Gallery”, sempre a giugno ha esposto la sua opera “Big Jump” al Museo Gonzaga di Mantova nella collettiva presentata dai critici Sgarbi, Levi e Daverio. 

A ottobre 2019 è stato tra i finalisti del premio “Biancoscuro Art Contest” dove ha ricevuto il premio che ha portato la sua opera “Female Legacy” ad Art Parma Fair.


A novembre 2019 Milano Art Gallery ha ospitato la sua prima mostra personale “Declinazioni al femminile”, in cui sono state esposte 42 tele e per l’occasione Fieno ha scritto e pubblicato il “Diario di declinazioni al femminile” che include le 42 storie delle donne ritratte nelle tele esposte.


Il lavoro di Fieno è stato pubblicato su LA STAMPA, sulla rivista d’arte Biancoscuro, sul periodico d’arte Art Now Magazine, su BlueBee Magazine, e on line sul blog TheNYjournal.com e su Creativinn.


Nel 2020 Fieno ha iniziato a collaborare con diverse gallerie italiane e estere, e a febbraio 2020 ha partecipato ad Arte Genova nella categoria delle gallerie storicizzate grazie alla collaborazione con la Galleria Farini di Bologna.


Attualmente sta lavorando al nuovo concept “Italia al Femminile” con lo scopo di far vedere l’Italia attraverso gli occhi delle sue donne.